Tag Archives: Innovazione

Un uomo che ha un’idea è uno svitato finchè quell’idea non ha successo…

Questo articolo è rivolto a tutti coloro che hanno un’idea…!!

Un uomo che ha un’idea è uno svitato finchè quell’idea non ha successo!!

La citazione è di Mark Twain, ed è vecchia di oltre 100 anni, ma è sempre attuale, e crediamo lo sarà sempre.

Bèh… se dobbiamo essere sinceri, anche Swifty, appena nata era un’idea che faceva sorridere i più, in tanti non avrebbero scommesso un euro su di noi. Oggi invece Swifty è una realtà conosciuta ed affermata, ed è l’azienda di riferimento per molti imprenditori che ci hanno scelto per sviluppare i loro software di gestione aziendale.

Una delle cose che rende meraviglioso il nostro lavoro, è proprio il fatto che abbiamo di continuo a che fare con imprenditori che hanno idee per innovare, rinnovare, e rendere più competitive le proprie aziende. Ma non solo…., Incontriamo anche tanti privati che hanno un’idea da portare nel mondo del web, o pensano di lanciare la propria startup nel mondo delle app.

Oggi stiamo sviluppando un progetto per dei nostri clienti, che rappresenta un’assoluta novità…

Si tratta del progetto “Amazzoni”….

Il progetto amazzoni è l’idea di 3 nostre clienti, una commercialista, un avvocato e una traduttrice. Queste professioniste, ci hanno commissionato una piattaforma che prevede un portale web e un applicazione per smartphone  e tablet. La piattaforma, da la possibilità a tutte le aziende che stanno cercando bandi per finanziarsi di registrarsi gratuitamente. Il nostro sistema, è programmato per scansionare tutti i siti regionali, nazionali, e comunitari, dove le istituzioni (regioni, stato, unione europea) pubblicano i bandi di finanziamento. La piattaforma, informa le aziende iscritte dei bandi che riguardano la loro categoria, ai quali potrebbero avere accesso. Una volta che l’azienda trova un bando a cui vuole partecipare, ha la possibilità di caricare tutti i documenti necessari sulla piattaforma, affinchè le professioniste nostre clienti possano preparagli la pratica, presentarla all’ente, e seguirla fino alla concessione del finanziamento. Questa piattaforma, oltre ad essere un eccezionale strumento per le aziende, permetterà alle nostre clienti di trovare nuovi prospect, ed offrire i loro servizi ad aziende che non avrebbero potuto raggiungere senza la piattaforma. Anche i pagamenti relativi alla consulenza, che le aziende dovranno alle nostre clienti, transiteranno sulla piattaforma, e saranno completamente automatizzati, facendo si che il progetto sia un formidabile strumento di business per le nostre clienti.

Questo articolo è rivolto a tutti coloro che hanno un’idea!! Swifty è la realtà ideale per chi ha in testa un progetto, ma non sa da dove partire per realizzarlo. In Swifty troverai non solo l’azienda sviluppatrice, ma anche un formidabile partner nella progettazione dello strumento. Ti affiancheremo nella ricerca della migliore tecnologia, nella strategia di monetizzazione e nella progettazione delle funzioni, per rendere il progetto perfettamente funzionale al business che hai in mente.

La Rivoluzione Dell’Intelligenza Artificiale

Dopo la rivoluzione industriale a cavallo tra il 1700 e il 1800 e la rivoluzione digitale negli ultimi anni del 1900, questo secolo sarà caratterizzato dalla rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale.

L’intelligenza artificiale porterà grandi cambiamenti sociali e nella vita di tutti i giorni, ma rappresenterà anche un grande volano per l’economia. Si stima infatti che l’AI permetterà una crescita del pil mondiale compreso tra lo 0,8 e l’1,2%, pari a 13.7000 MILIARDI di dollari da qui al 2030. A guidare questa classifica teorica, ovviamente gli Stati Uniti con un incremento stimato di 8.300 miliardi di dollari da qui al 2035.

I colossi digitali come Google, Amazon, Netflix, Facebook, Alibaba, Baidu, sfruttano l’intelligenza artificiale per i propri modelli predittivi, al fine di creare nuove vendite e quindi nuovo valore. Basti pensare, che per quanto riguarda Netflix, il consumo dell’utente è basato per l’80% su suggerimenti derivanti dagli algoritmi, e solo il 20% su ricerche specifiche dell’utente. Netflix, stima che questi sistemi, in grado di suggerire all’utente contenuti che possono piacergli e ridurre quindi il tasso di abbandono, gli fruttino  1miliardo di dollari all’anno (circa il 10% del proprio fatturato). Il  motivo di questi numeri? La soglia d’attenzione di un utente  è di 60-90 secondi. Se entro questo tempo non trova qualcosa che può piacere, rinuncia, aumentando il rischio di abbandono del servizio.

Oltre ai sistemi predittivi, l’intelligenza artificiale troverà applicazioni nella vita di tutti i giorni. Esistono già auto che si guidano da sole, in grado di fare migliaia di kilometri senza il guidatore. Oppure le auto che già guidate, in grado di riconoscere pedoni e di frenare da sole, di allertarci se ci stiamo addormentando o se stiamo invadendo un’altra carreggiata. All’interno del vostro telefono vi è un’intelligenza artificiale che vi chiama per nome, in grado di scrivere messaggi per voi o di ricordarvi gli appuntamenti.

L’AI troverà grandi applicazioni nei servizi alla persona: Yape è un robot italiano che ha appena debuttato all’estero, in grado di fare consegne a domicilio. Viaggia da solo per le città, può contenere fino a 30 kg di peso, e viaggiare fino a 20km/h. E’ in grado di riconoscere segnali stradali e ostacoli, e riconosce il viso della persona a cui deve consegnare la merce per aprirgli il vano porta oggetti. In Giappone, stanno progettando robot in grado di assistere gli anziani con disabilità come farebbe una persona. Anzi meglio…. Perché questi robot saranno progettati per tenere compagnia ai loro assistiti, stimolarli nel ragionamento e nelle relazioni, oltre che  a preparargli e servirgli il cibo, aiutarli nelle operazioni di deambulazione e ricordargli i farmaci da assumere. Questi robot, in grado anche di soccorrere il loro assistito e chiamare i soccorsi in caso di emergenza, non potranno mai arrecare danno alla persona, non potranno aggredirla o derubarla (come invece può avvenire con operatori umani)…. semplicemente perché non sono programmati per farlo.

I governi giocheranno un ruolo fondamentale in questa rivoluzione: al momento sembra essere una corsa a 2 tra Stati Uniti e Cina. Se gli Stati Uniti sono stati il primo paese ad avere sviluppato nel 2016, un piano strategico per l’intelligenza artificiale, la Cina ha risposto con un piano denominato “New Generation Artificial Intelligence Development Plan”, il cui obiettivo è portare il paese a essere leader nel settore dell’AI entro il 2030.

A livello Europeo invece, la Commissione ha aumentato del 70% gli investimenti previsti nel triennio 2018-2020, nell’ambito del programma H2020, portandoli a 1.5 miliardi di euro.

 

Dobbiamo quindi prepararci all’avvento di una nuova era… un’era in cui la tecnologia non è più solamente al servizio dell’uomo, ma lo affianca e lo accompagna alla stregua di “un’amico”, di un collega, di un compagno di viaggio. Il team di Swifty, come sempre appassionato alle nuove tecnologie (tra i primi in Italia a prelevare bitcoin da un bancomat, e sviluppare progetti di  blockchain), è pronto a lanciarsi nell’avventura di un progetto che riguardi l’intelligenza artificiale…. avrete presto notizie a riguardo.

Qual’è il momento giusto di innovare…??

Tutti sappiamo che non è la specie più forte che sopravvive, ma quella più predisposta al cambiamento….. e a volte, innovare, cambiare, evolvere, è fondamentale per la sopravvivenza di un’azienda.

Quando un’azienda lancia un prodotto rivoluzionario come Apple ha fatto con l’iphone, diventa una notizia che si prende tutte le prime pagine dei giornali e rimbalza sulla rete da un social all’altro. Questo fa in modo che si abbia una visione distorta della parola “innovazione”. Infatti, nell’immaginario comune, l’innovazione è necessariamente associata ad un prodotto o servizio che stravolge il mercato o sbaraglia la concorrenza. Questo modo di pensare, fa si che “l’innovazione” venga percepita come una cosa repentina, un colpo di genio, il coniglio che esce dal cilindro di un visionario.

In realtà, l’innovazione è frutto di un percorso, di un processo fatto di tanti,piccoli e costanti passi che ci accompagnano alla “rivoluzione”. Basti pensare che l’uomo raggiunse la Luna dopo 27 missioni .

Per questo per un’azienda, è fondamentale cambiare il proprio modo di pensare riguardo all’innovazione: non bisogna pensarla come un’esplosione, ma come un percorso graduale, che ogni giorno ci spinge verso il cambiamento e il miglioramento della nostra attività.

Tutti sappiamo che non è la specie più forte che sopravvive, ma quella più predisposta al cambiamento….. e a volte, innovare, cambiare, evolvere, è fondamentale per la sopravvivenza di un’azienda.

Prendiamo ad esempio le aziende tessili del territorio emiliano. Tutti gli imprenditori che negli anni 80 e 90 avevano un maglificio, o anche solo una stireria, se ne andavano in giro con macchine sgargianti nelle loro ville in montagna e al mare. A fine anni 90 però, con la globalizzazione e l’arrivo della concorrenza cinese, i prezzi di quel mercato si abbassarono del 60-70-80%, e praticamente tutte le aziende, anche i grandi colossi del settore, furono costrette a chiudere. Praticamente tutti. Tutti tranne chi aveva investito. Investito sulla formazione e il consolidamento del proprio brand, come ad esempio Navigare o Liu Jo. Questi imprenditori, partiti anch’essi come maglifici, decisero di investire i loro capitali non per acquistare ville o auto di lusso, ma sulla creazione di un marchio che rendesse i loro prodotti dei capi di abbigliamento da desiderare, e non delle semplici maglie.

Oggi in diversi settori stiamo assistendo alle stesse dinamiche, e nessun mercato può sentirsi al riparo da repentini cambiamenti, che potrebbero mettere in crisi le proprie aziende. Oggi, ci sono aziende che sono rimaste legate ai vecchi standard e metodologie di lavoro, e stanno via via cedendo fette di mercato ai concorrenti, che hanno invece deciso di innovare la propria attività, attraverso l’introduzione di macchinari sempre più all’avanguardia, di software in grado di fargli risparmiare tempo, ridurre sprechi ed eliminare gli errori, che hanno deciso di sposare il concetto di industria 4.0.

Quindi… la risposta al quesito posto nel titolo è: OGGI. Oggi è il momento giusto di innovare. Innovare la propria azienda, ed evolvere il proprio modo di lavorare.

In questo processo di cambiamento e innovazione, Swifty può essere il vostro partner ideale. Siamo infatti specializzati nell’analisi dei flussi di lavoro dell’azienda cliente, per progettare e sviluppare software in grado di portare un valore aggiunto al cliente. Abbiamo maturato esperienza, oltre che nello sviluppo, anche nell’affiancamento all’azienda nel processo di innovazione e rinnovamento.                   Non esitare a contattarci….

Il nostro software di Pianificazione e Gestione Aziendale

In questo articolo vogliamo presentarvi le caratteristiche dei software di pianificazione e gestione aziendale, che abbiamo sviluppato per i nostri clienti. 

Questo sistema informatico, consente di gestire in modo integrato e sinergico, tutti i principali processi di business di un’azienda: contabilità, gestione amministrativa, acquisti, vendite, gestione della produzione e della logistica, gestione dei magazzini.

Le funzioni che possiamo implementare in questo sistema sono le più disparate. Come ad esempio la possibilità di inviare ordini in tempo reale da smartphone, la gestione della produzione attraverso un calendario condiviso, fino al controllo degli ordini ai fornitori con un sistema digitalizzato di verifica. Le funzioni appena descritte, sono ovviamente un esempio, nella moltitudine di quelle sviluppate nei nostri software. In quanto, ad ogni cliente, forniamo solamente le funzioni di cui ha bisogno in base alla propria attività, e ne progettiamo altre la dove sia necessario.

 

L’obiettivo che ci poniamo  con l’introduzione di questi sistemi, è quello di creare un valore aggiunto per l’azienda cliente. Ovvero, consentire al cliente, di trarre vantaggi tangibili dall’introduzione del nostro software, tali per cui, la sua attività, sia decisamente migliorata dopo il nostro intervento, in termini di risparmio economico, velocizzazione dei processi, eliminazione di errori. L’adozione di un sistema informatico come questo, è atto a ridurre i costi di coordinamento aziendali, a favorire e velocizzare le operazioni di tutti i giorni.

I PUNTI DI FORZA DEL NOSTRO SISTEMA SONO:

-Snellimento delle procedure ed ottimizzazione dei processi, risparmiando tempo e a volte personale.

-Banca dati informatica unica per attingere in modo strutturato alle informazioni rilevanti ai fini gestionali.

-Trattamento immediato delle informazioni inserite a sistema dagli Utenti, e quindi usufruibili da tutti gli Utenti abilitati alla visualizzazione di tali dati.

-Velocizzare i tempi di consegna.

-Ottimizzare la logistica.

-Analizzare i dati per migliorare organizzazione e post vendita.

-Unico accesso alle informazioni che consente una tempestiva e capillare informazione.

-Controllo in tempo reale di qualsiasi reparto: commerciale, produttivo, amministrativo.

 

I nostri clienti, ci scelgono per la nostra capacità di sviluppare sistemi completamente personalizzati, e progettati per la loro azienda. Oltre all’efficacia del nostro software, ciò che ci differenzia dai nostri competitor, è l’assoluta disponibilità ed affidabilità. La possibilità di ricevere assistenza senza bisogno di aprire ticket, e di parlare direttamente con il titolare anzi che con risponditori automatici, è percepito come valore aggiunto dalle aziende clienti, anche dalle più grandi, che lo ricercano sempre più nei loro fornitori.

Ti invitiamo quindi  a contattarci, per progettare insieme come evolvere la tua azienda.

Le nuove tecnologie nella Medicina del Terzo Millennio

Nell’era in cui l’uomo si sta preparando a conquistare Marte e dove le nuove tecnologie stanno invadendo la nostra quotidianità, anche il mondo della medicina viene progressivamente contaminato da nuove applicazioni e nuovi programmi per ottimizzare il lavoro dei medici e soprattutto per migliorare in modo esponenziale la qualità della vita di tutti noi. Diagnostica e terapia sono i bersagli di questi nuovi fronti rivoluzionari. Vi proponiamo in questo articolo una breve carrellata di novità che si stanno concretizzando come rivoluzioni nella medicina del terzo millennio, con l’intenzione di approfondire in contenuti successivi gli argomenti più interessanti.

 

Daniel Kraft, medico e ricercatore della Singularity University nella Silicon Valley prospetta, per esempio, l’uso di computer intelligenti che analizzano una macchia cutanea sospetta fotografandola e indirizzando il paziente a indagini più approfondite solo se necessario, e tutto questo a distanza.

Anche il mondo dei trapianti d’organo sta per essere rivoluzionato dall’utilizzo della stampa tridimensionale capace di ricostruire tessuti biologici con cellule. Il primo orecchio bionico è stato stampato a Princeton, e a Cambridge le cellule della retina. Le prospettive saranno ancor più interessanti e decisamente di grosso impatto per i trapianti di cuore e fegato, che a breve potrebbero essere stampati, risolvendo definitivamente il problema legato alla carenza di donatori.

Nuove applicazioni tecnologiche nell’ambito cardiologico sono l’impianto Lumax VR-T e Lumax DR-T ICDs, che non contengono solo un defibrillatore cardiaco impiantabile, ma anche un sistema di monitoraggio continuo delle funzioni cardiache.

 

Altra innovazione in campo neurologico deriva dall’optogenetica, scienza che combina tecniche ottiche e genetiche per sondare circuiti neuronali all’interno del cervello.

Nei prossimi anni vedremo poi lo sviluppo di procedure più raffinate di stimolazione del sistema nervoso centrale, per migliorare la cura della depressione anche attraverso, per esempio, l’utilizzo di nanoparticelle come le nanoparticelle d’oro sviluppate all’Università di Chicago che permettono la modifica di cellule utilizzando luci infrarosse a bassissima densità.

I nanomateriali sono quei materiali costituiti da strutture quali particelle, fibre o grani aventi almeno una loro dimensione compresa tra 1 e 100 nm ( il nanometro è la miliardesima parte del metro). I nanomateriali, indipendentemente dalla loro natura (metalli, ceramiche, polimeri, materiali compositi) esibiscono proprietà inaspettate e sorprendenti se paragonate a quelle dei materiali convenzionali.

Negli ultimi anni è aumentata l’attenzione dei nanomateriali da parte della comunità scientifica e medica per la loro eccezionale capacità di identificazione delle biomolecole che può portare alla creazione di nuovi tessuti biologici artificiali, a innovativi dispositivi elettronici basati sulle strutture biologiche quali i biosensori, a sistemi diagnostici estremamente sofisticati e a nuovi sistemi per la somministrazione di farmaci.

 

La tecnologia va in aiuto della salute e propone soluzioni fino ad oggi impensabili, che cambieranno il futuro delle cure. Grazie ai progressi delle biotecnologie e nella scienza dei materiali, oggi siamo in grado di affrontare la lotta al diabete. Come la lente a contatto di Google che misura il livello di glucosio nelle lacrime e trasmette i dati a un cellulare, da cui possono essere visualizzati da un medico. Cambia colore se i livelli di glucosio scendono o salgono troppo grazie ad un sensore che si trova tra due strati di vetro.

Nell’ambito chirurgico, inoltre, i progressi nell’ingegneria e nelle tecnologie informatiche hanno premesso di sviluppare modelli di simulazione sempre più dettagliati e realistici che forniscono strumenti per la pianificazione chirurgica pre-operatoria, la fase intraoperatoria e il training chirurgico permettendo ai chirurghi di praticare le procedure su pazienti virtuali che sono repliche realistiche dei pazienti reali.

I progressi nella tecnologia della Realtà Aumentata, grazie alla fusione in tempo reale di contenuti digitali generati dal computer con il mondo reale, stanno rendendo possibile lo sviluppo di sistemi in grado di aiutare i chirurghi a svolgere i loro interventi in modo più veloce e più sicuro portando i vantaggi della visualizzazione degli organi tipica della chirurgia open anche nella chirurgia mininvasiva.

Oggi ricerca e tecnologia sono strumenti indispensabili per il progresso sociale, e proprio in virtù di tale considerazione occorre non solo ottimizzare e potenziare il sistema sanitario, ma anche e soprattutto promuovere una sinergia e una collaborazione tra pubblico e privato, poiché è fondamentale mettere in rete i diversi portatori di interesse affinché possano condividere priorità, competenze, esperienze e sogni.