Category Archives: News

E-commerce – Il tuo business non dorme mai !

Chi non sogna di avere clienti all’interno della propria attività 24ore su 24, 7 giorni su 7?
E se ti dicessimo che puoi portare nel tuo negozio clienti d’oltre oceano o di qualsiasi parte del mondo??

Con un e-commerce tutto questo è possibile.

I numeri degli e-commerce sono spaventosi: tutte le statistiche e tutti gli studi consultabili online non fanno che confermare l’inarrestabile ascesa dell’online shopping praticamente in tutti i mercati.

Si parla di 1,6 miliardi di utenti in tutto il mondo che hanno acquistato prodotti online spendendo quasi 2 trilioni di dollari, una cifra che potrebbe raddoppiare entro il 2020.

In Italia la diffusione degli acquisti online ha raggiunto l’88,7% della popolazione tra gli 11 e i 74 anni nel 2016, con 42,6 milioni di italiani che dichiarano di poter accedere a internet da desktop o da mobile: un dato in crescita del 2,8% rispetto al 2015 e prevedibilmente simile rispetto al 2017.

Questi numeri sono destinati a crescere esponenzialmente e a raddoppiare entro il 2022,. Rimanere fuori da questo mercato significa lasciarlo ai tuoi concorrenti.

Non perdere altro tempo, rivolgiti a noi, studieremo insieme a te la miglior strategia per portare online il tuo business e far crescere il tuo fatturato.

Come scegliere la migliore tecnologia per la localizzazione

L’utilizzo delle tecnologie di localizzazione per tracciare il movimento delle merci in tempo reale è in crescita, principalmente grazie alle potenzialità di dimostrare un forte ritorno in termini di investimento e di efficienza operativa. Con un sistema che traccia automaticamente le risorse e fornisce informazioni sullo stato del business, le aziende possono spendere meno tempo raccogliendo dati e possono, così, concentrarsi sulla riduzione delle spese in conto capitale, aumentando i ricavi e migliorando i flussi di lavoro.

Le tecnologie di localizzazione possono essere utilizzate in molteplici modi migliorando la gestione degli asset e della Supply Chain, il monitoraggio, la manutenzione e la riparazione, la tutela e la sicurezza, l’ottimizzazione del flusso del lavoro ed anche la conformità con le normative vigenti. Queste attività possono portare benefici a mercati quali il manifatturiero, il mondo della logistica e dei trasporti, il settore retail e la sanità.

Considerata l’ampia offerta di tecnologie di localizzazione presenti sul mercato, compresa la preferita del momento RTLS (Real-Time Locating System), continuiamo a vedere aziende che fanno fatica a selezionare la soluzione migliore per le proprie esigenze. Scegliere quella sbagliata può essere un errore davvero costoso.

 

Valutare la necessità di una tecnologia di localizzazione

 

Quando l’azienda si trova nella fase di analisi, deve porsi come obiettivo la valutazione della fattibilità nel tracciare le merci e la determinazione dell’effettiva esigenza della tecnologia. Per esempio, le aziende dovrebbero chiedersi: quali sono gli oggetti che vorremmo tracciare? Qual è il problema che il business sta cercando di risolvere? Dove dovrebbe essere trasferito ed entro quando? È il momento giusto per dare inizio alla fase successiva del progetto?

Le aziende dovrebbero anche considerare fattori chiave come il proprio valore, quanto siano critici per il successo della missione che determinati oggetti vengano tracciati, quanto flessibili siano i propri flussi di lavoro e le reali possibilità di etichettare gli oggetti. In questa fase del processo di valutazione, le aziende dovrebbero individuare le quattro P della terminologia della localizzazione:
• Point in time si riferisce all’indicazione di una localizzazione come uno specifico punto nel tempo, non continuativo;
• Persistent location è una segnalazione costante della localizzazione dell’oggetto ad ogni intervallo definito dall’utente;
• Presence or Proximity riguardano gli oggetti che si trovano in prossimità di un trasmettitore o ricevitore in una località conosciuta – questo è sempre un punto nel tempo;
• Position comunica la localizzazione precisa di un asset in rispetto ad un punto di riferimento, calcolato sulla base di una Persistent location;

Le organizzazioni dovrebbero anche considerare altri fattori, che potrebbero non essere così scontati. Tracciare le persone significa anche considerare implicazioni legate al trattamento della privacy, ad esempio. Potrebbero anche esserci regolamentazioni o restrizioni sindacali quando si tracciano persone o merci specifiche.

 

Scegliere la corretta tecnologia di localizzazione 

 

Una soluzione chiave è il RTLS. Questa tecnologia può identificare e tracciare oggetti, animali o persone in diversi ambienti, tipicamente in un edificio o area chiusa.

Come funziona? La tecnologia RTLS utilizza la comunicazione delle frequenze radio per monitorare gli oggetti. Etichette e punti di riferimento fissi possono essere trasmettitori, ricevitori o entrambi, consentendo più combinazioni tecnologiche. Esempi di utilizzo di RTLS potrebbero essere il tracciamento dell’auto lungo la catena di montaggio, la localizzazione di pallet di merci in un magazzino o il reperimento di attrezzatura medica in un ospedale.

Per ulteriori dettagli sui benefici del RTLS, si può dare un’occhiata alla catena di montaggio di uno stabilimento produttivo di autoveicoli. In questo caso, gli strumenti – che sono dotati di Wi-Fi e gestiti attraverso comandi programmabili – possono essere configurati in modo dinamico per conoscere la loro posizione relativamente ad un veicolo in fase di assemblaggio. Ciò assicura che i veicoli siano costruiti in maniera adeguata, attraverso le giuste modalità e quindi aumentandone il controllo sulla qualità.

Per i produttori di latte, l’RTLS aiuta ad aumentare la produzione di latte. Dato che i movimenti di una mucca sono utili indicatori dello stato di salute dell’animale, l’RTLS può allertare un allevatore nel caso in cui la mucca abbia smesso di muoversi o dimostri dei comportamenti inusuali. Ogni tipo di cambiamento simile può indicare la presenza di una malattia o dell’insorgere del ciclo estrale di un bovino, implicando la necessità di un intervento veterinario che possa prevenire peggioramenti, facilitare il recupero dell’animale ed infine aumentare la produzione.

Un’altra tecnologia della famiglia RTLS è la Ultra-Wide Band (UWB), utilizzata nei network wireless che utilizzano il basso consumo per ottenere connessioni ad elevata larghezza di banda. Le etichette UWB possono fornire un grande livello di accuratezza nella localizzazione a medio raggio attraverso un elevato numero di trasmissioni, che consentono l’esatta localizzazione in tempo reale. La tecnologia UWB consente una identificazione di base; un esempio di utilizzo riguarda il tracciamento del moto umano e l’orientamento per la tutela e la sicurezza in cui un alto livello di precisione nella localizzazione è necessario.

Bluetooth Low Energy (BLE) è un’altra utile soluzione. Costruita sull’universale standard Bluetooth, questa soluzione economica è leggibile da ogni device o smartphone con un Sistema Bluetooth attivato. I Beacon trasmettono le informazioni ai devices mobili, che li inoltrano – attraverso le reti Wi-Fi – a piattaforme e Middleware, che ne deducono la posizione attraverso la prossimità ad un ricevitore o trasmettitore conosciuto. Un esempio riguarda la fornitura di punti di pagamento economici e facilmente installabili, che possano sostenere i programmi fedeltà dei retailer, attraverso la gestione del customer engagement.

Il Wi-Fi è una soluzione di localizzazione molto comune. La localizzazione Wi-Fi rappresenta un’opzione economica e semplice da realizzare. Dato che generalmente le organizzazioni sono già dotate di sistemi Wi-Fi, possono trarre vantaggio dal network esistente ed adattarlo anche alla registrazione della localizzazione. Esempi di utilizzo includono il tracciamento di visitatori o dipendenti, casi in cui l’accuratezza necessaria si limita al livello della zona.

Infine, il protocollo standardizzato per il wireless ISO 24730 consente una migliore esperienza rispetto al Wi-Fi in contesti industriali dove sussistono barriere in metallo o altri materiali che riflettono e bloccano il segnale. E la migliore soluzione per il tracciamento degli asset in ambienti quali i cantieri o strutture all’esterno, dove l’accuratezza necessaria è molto elevata.

Le nuove tecnologie nella Medicina del Terzo Millennio

Nell’era in cui l’uomo si sta preparando a conquistare Marte e dove le nuove tecnologie stanno invadendo la nostra quotidianità, anche il mondo della medicina viene progressivamente contaminato da nuove applicazioni e nuovi programmi per ottimizzare il lavoro dei medici e soprattutto per migliorare in modo esponenziale la qualità della vita di tutti noi. Diagnostica e terapia sono i bersagli di questi nuovi fronti rivoluzionari. Vi proponiamo in questo articolo una breve carrellata di novità che si stanno concretizzando come rivoluzioni nella medicina del terzo millennio, con l’intenzione di approfondire in contenuti successivi gli argomenti più interessanti.

 

Daniel Kraft, medico e ricercatore della Singularity University nella Silicon Valley prospetta, per esempio, l’uso di computer intelligenti che analizzano una macchia cutanea sospetta fotografandola e indirizzando il paziente a indagini più approfondite solo se necessario, e tutto questo a distanza.

Anche il mondo dei trapianti d’organo sta per essere rivoluzionato dall’utilizzo della stampa tridimensionale capace di ricostruire tessuti biologici con cellule. Il primo orecchio bionico è stato stampato a Princeton, e a Cambridge le cellule della retina. Le prospettive saranno ancor più interessanti e decisamente di grosso impatto per i trapianti di cuore e fegato, che a breve potrebbero essere stampati, risolvendo definitivamente il problema legato alla carenza di donatori.

Nuove applicazioni tecnologiche nell’ambito cardiologico sono l’impianto Lumax VR-T e Lumax DR-T ICDs, che non contengono solo un defibrillatore cardiaco impiantabile, ma anche un sistema di monitoraggio continuo delle funzioni cardiache.

 

Altra innovazione in campo neurologico deriva dall’optogenetica, scienza che combina tecniche ottiche e genetiche per sondare circuiti neuronali all’interno del cervello.

Nei prossimi anni vedremo poi lo sviluppo di procedure più raffinate di stimolazione del sistema nervoso centrale, per migliorare la cura della depressione anche attraverso, per esempio, l’utilizzo di nanoparticelle come le nanoparticelle d’oro sviluppate all’Università di Chicago che permettono la modifica di cellule utilizzando luci infrarosse a bassissima densità.

I nanomateriali sono quei materiali costituiti da strutture quali particelle, fibre o grani aventi almeno una loro dimensione compresa tra 1 e 100 nm ( il nanometro è la miliardesima parte del metro). I nanomateriali, indipendentemente dalla loro natura (metalli, ceramiche, polimeri, materiali compositi) esibiscono proprietà inaspettate e sorprendenti se paragonate a quelle dei materiali convenzionali.

Negli ultimi anni è aumentata l’attenzione dei nanomateriali da parte della comunità scientifica e medica per la loro eccezionale capacità di identificazione delle biomolecole che può portare alla creazione di nuovi tessuti biologici artificiali, a innovativi dispositivi elettronici basati sulle strutture biologiche quali i biosensori, a sistemi diagnostici estremamente sofisticati e a nuovi sistemi per la somministrazione di farmaci.

 

La tecnologia va in aiuto della salute e propone soluzioni fino ad oggi impensabili, che cambieranno il futuro delle cure. Grazie ai progressi delle biotecnologie e nella scienza dei materiali, oggi siamo in grado di affrontare la lotta al diabete. Come la lente a contatto di Google che misura il livello di glucosio nelle lacrime e trasmette i dati a un cellulare, da cui possono essere visualizzati da un medico. Cambia colore se i livelli di glucosio scendono o salgono troppo grazie ad un sensore che si trova tra due strati di vetro.

Nell’ambito chirurgico, inoltre, i progressi nell’ingegneria e nelle tecnologie informatiche hanno premesso di sviluppare modelli di simulazione sempre più dettagliati e realistici che forniscono strumenti per la pianificazione chirurgica pre-operatoria, la fase intraoperatoria e il training chirurgico permettendo ai chirurghi di praticare le procedure su pazienti virtuali che sono repliche realistiche dei pazienti reali.

I progressi nella tecnologia della Realtà Aumentata, grazie alla fusione in tempo reale di contenuti digitali generati dal computer con il mondo reale, stanno rendendo possibile lo sviluppo di sistemi in grado di aiutare i chirurghi a svolgere i loro interventi in modo più veloce e più sicuro portando i vantaggi della visualizzazione degli organi tipica della chirurgia open anche nella chirurgia mininvasiva.

Oggi ricerca e tecnologia sono strumenti indispensabili per il progresso sociale, e proprio in virtù di tale considerazione occorre non solo ottimizzare e potenziare il sistema sanitario, ma anche e soprattutto promuovere una sinergia e una collaborazione tra pubblico e privato, poiché è fondamentale mettere in rete i diversi portatori di interesse affinché possano condividere priorità, competenze, esperienze e sogni.

Google traccia la posizione del tuo smartphone… anche senza permesso

Maps traccia gli spostamenti anche quando la localizzazione è spenta. Allo stesso tempo, anche gli aggiornamenti sul meteo o le ricerche online di Chrome, salvano i dati della geolocalizzazione, una volta disattivata. Lo rivela AP , secondo cui queste informazioni sarebbero archiviate dalle applicazioni Google, sia su Android che su iOS.

«Ad esempio, quando apri Maps, Google archivia un’immagine istantanea della tua posizione. Gli aggiornamenti automatici del meteo, individuano all’incirca il punto in cui ti trovi. E alcune ricerche, come “biscotti al cioccolato” e “kit scientifici per bambini”, tracciano la tua esatta latitudine e longitudine», scrive AP.

Queste informazioni sono salvate nella sezione “web and app activity”, che traccia i dati anche quando la geolocalizzazione del telefono è spenta. La funzione è disattivabile dalle impostazioni dell’account Google. Per farlo, è necessario cliccare su “gestisci account” e disattivare “attività web e app”. In caso contrario, se non si vuole spegnere questa funzione che permette, secondo Google, di fornire servizi e ricerche personalizzate, si può andare su “le mie attività” e cancellare manualmente le informazioni che interessano. Ovviamente, è un’operazione lunga, soprattutto se si passa molto tempo online.

Interpellata da The Verge , Google ha risposto con un comunicato ufficiale: «Gli utenti dispongono degli strumenti per disattivare, modificare o eliminare la cronologia delle posizioni. Per questo motivo, ci assicuriamo che sappiano che quando disabilitano il prodotto continuiamo a utilizzare la posizione per migliorare l’esperienza di Google».

Non è la prima volta che viene resa pubblica una notizia simile. Lo scorso novembre, Quartz aveva rivelato come gli smartphone Android riescano a raccogliere informazioni sulla posizione dalle antenne cellulari, anche quando la geolocalizzazione è spenta o addirittura quando la sim non è presente nel dispositivo.

CAT S61: fotocamera termica e qualità aria

CAT S61 è ufficiale al Mobile World Congress 2018 di Barcellona: un’evoluzione di quell’S60 con videocamera termica che ci era tanto piaciuto due estati fa. Come lascia intendere la variazione minima del nome, i cambiamenti rispetto al precedente modello non sono molti, fatto salvo per un aggiornamento generalizzato della scheda tecnica.

L’ormai vetusto Snapdragon 617 è stato sostituito da Snapdragon 630, con otto core ARM Cortex-A53 @ 2,2 GHz, GPU Adreno 508 e modem LTE Cat.12 (600/150 Mbit). La RAM sale a 4 GB, l’archiviazione interna è di 64 GB. Il display ha risoluzione FHD e diagonale di 5,2 pollici, ed è molto luminoso, ottimizzato per l’uso all’aperto. Molto ampia la batteria, da 4.500 mAh, che supporta anche la ricarica rapida QuickCharge 4.0. Il sistema operativo è Android Oreo nativo, con garanzia di aggiornamento ad Android P quando uscirà.

Alle due fotocamere da 16 (principale) e 8 (frontale) MP si aggiunge un modulo a infrarossi FLIR, sempre sul retro, e sempre sporgente verso l’alto come nel precedente modello. Il comunicato stampa non specifica il modello esatto del sensore, ma secondo Android Police, che si basa sul range di temperature supportato (da -20 a + 400 gradi centigradi), dovrebbe essere il FLIR One Pro. La risoluzione è superiore a quella del sensore di S60, e attraverso l’app FLIR integrata è ora possibile trasmettere il feed della videocamera IR in tempo reale.

CAT S61 è sempre ultra-resistente agli urti e all’acqua (certificazione IP68, come il predecessore). È progettato per sopravvivere a cadute ripetute da 1,80 metri e a un’immersione nell’acqua fino a 3 metri per un’ora. Torna anche il misuratore di distanza laser.

Maggiori dettagli saranno svelati nel corso della fiera catalana; il prezzi, però, lo sappiamo già, e ed è piuttosto salato: 899 euro. Arriverà nel secondo trimestre del 2018.

Whatsapp, arriva lʼetichetta “inoltrato” sui messaggi inviati contro catene di SantʼAntonio e spam

Grazie a questa novità, quando si riceverà un testo, una foto o un video, si capirà se è frutto di chi lo ha mandato o è un contenuto che circola nel sistema

A quanti è capitato di ricevere in Whatsapp, semmai mentre si era a lavoro o si aspettava un messaggio importante, testi delle cosiddette “catene di Sant’Antonio“, fake news o avvisi pubblicitari di dubbia provenienza percepiti solo come un fastidioso disturbo e un’inutile perdita di tempo? La famosa applicazione di messaggistica istantanea sembra aver trovato una soluzione: i messaggi inoltrati non saranno più solo contrassegnati con una spunta che diventa doppia quando arriva anche al mittente, ma saranno anche etichettati con la scritta “inoltrato”.

Con questo escamotage, quando si riceverà un messaggio – un testo, un’immagineo un video – se sarà accompagnato dalla dicitura “inoltrato”, si potrà capire chiaramente che non è frutto di chi l’ha inviato, ma è un contenuto che sta circolando su Whatsapp.

L’etichetta, che comparirà sopra al messaggio, accompagnata da una freccia verso destra che contraddistingue l’inoltro, non potrà essere nascosta o disattivata dagli utenti.

Un cappio a doppio filo, insomma, per tutti quelli che finora si sono divertiti a mandare le catene o per le aziende che, spesso senza il consenso dei destinatari, quindi violando molte norme sulla privacy, utilizzavano Whatsapp come un rapido strumento di marketing che aveva per i riceventi un’unica conseguenza: spam.

Per ora, però, dovremmo accontentarci di visualizzare e cancellare e, semmai, in caso di fastidiosa insistenza, bloccare il contatto da cui i messaggi indesiderati provengono, perché la novità è stata scovata solo in una versione beta – cioè non definitiva – dell’applicazione per i dispositivi Android.

 

Fonte: http://www.tgcom24.mediaset.it/

WWDC 2018: cosa aspettarsi dalla presentazione di Apple

Arrivano le prime indiscrezioni di quello che verrà svelato durante la conferenza di apertura della WWDC 2018 di Apple.

Un appuntamento annuale che vede gli ingegneri dell’azienda di Cupertino e gli sviluppatori uno di fronte all’altro per capire come realizzare al meglio i nuovi sistemi operativi in futuro.

Tanti gli argomenti come si spera tante anche le novità che Apple ha in mente di svelare durante il keynote e che in qualche modo il sempre ben informato Mark Gurman sembra già conoscere grazie alle proprie fonti.

Secondo quanto si apprende dal giornalista sembra che Apple sia pronta a presentare diverse novità in fatto di sistemi operativi mentre a livello di dispositivi difficilmente vedremo prodotti nuovi.

Tali direttive era già apparsi possibili qualche settimana fa quando la stessa Apple aveva chiarito come il futuro sarebbe stato costellato da una focalizzazione dei software capaci di dare man forte alla sicurezza e alla usabilità per gli utenti.

Ecco che l’azienda di Cupertino sembrerebbe pronta a dare forte attenzione durante il Keynote alla Salute Digitale ossia alla cosiddetta “Digital Health” con la presentazione di un nuovo sistema capace di curare la dipendenza da iPhone.

Un po’ come ha già fatto Google con il suo Dashboard che permette di avere una “vera e propria relazione” con il proprio smartphone con la consapevolezza di sapere cosa realmente viene fatto quotidianamente e magari prendersi una pausa nell’arco della giornata.

Le funzionalità che Apple sembra voler introdurre riguarderanno il controllo parentale del sistema e dunque garantiranno ai genitori di controllare quanto tempo i propri figli passano sui social.

Apple in questo caso potrebbe anche addirittura mostrare e notificare ai genitori degli avvisi permettendo di agire su questa situazione.

Chiaramente ci saranno novità anche a livello grafico nell’interfaccia grafica che il nuovo iOS 12 dovrebbe introdurre. Nessun tipo di stravolgimento ma gli utenti come anche gli analisti si attendono mirati cambiamenti atti a migliorare l’interazione con il sistema di Apple.

Quello che non dovremmo vedere sul palco del Keynote di lunedì saranno nuovi hardware e dunque nuovi dispositivi Apple. 

L’azienda infatti, secondo quanto appreso da Gurman, non presenterà alcun nuovo MacBook o MacBook Pro che si verranno aggiornati alla nuova lineup di processori Intel ma sicuramente non sul palco della WWDC 2018. Sul palco, Tim Cook, non parlerà nemmeno di nuovi tablet che sappiamo sembrano essere in procinto di arrivare. Nessun iPad Pro con Face ID almeno per ora.

Insomma Apple si appresta a realizzare un WWDC 2018 con novità esclusivamente “software” proprio come era avvenuto nei primi anni con Steve Jobs.

L’attenzione a migliorare il proprio sistema operativo è ad alti livelli a Cupertino, dopo che la stessa azienda ha ammesso indirettamente di aver tralasciato i piccoli particolari a favore di inutili modifiche grafiche o altre feature che si sono poi rivelate poco efficaci.

Fonte: hwupgrade.it

A partire da iOS 12, Apple potrebbe aprire le porte dell’NFC di iPhone a tutti gli sviluppatori

Non più soltanto Apple Pay, ma tante altre modalità di applicazione.

Un piccolo assaggio lo abbiamo avuto soltanto pochi giorni fa, con la compatibilità degli ultimi iPhone con YubiKey NEO, una chiave fisica per l’autenticazione sicura, ma a partire da iOS 12 potremmo finalmente assistere all’apertura completa del modulo NFC integrato negli smartphone della mela.

Introdotto per la prima volta a partire da iPhone 6, il modulo NFC degli smartphone di Cupertino è stato fin qui limitato nelle sue potenzialità quasi esclusivamente ad Apple Pay, il sistema di pagamento mobile proprietario del colosso californiano. Secondo le ultime indiscrezioni però, la futura versione di iOS potrebbe includere la possibilità per gli sviluppatori di terze parti di sfruttare l’NFC per molte più applicazioni.

Dall’accesso ad un ufficio tramite le proprie credenziali, a chiave univoca per stanze d’albergo o abitazioni, l’impiego dell’NFC fornirebbe un nuovo metodo sicuro ed affidabile per l’autenticazione in svariati contesti, potendo già contare su un enorme bacino di potenziali utenti. Ad Apple basterebbe includere nuove ed apposite API nell’SDK di iOS e chissà che un annuncio ufficiale non possa arrivare già durante il WWDC, che si terrà il mese prossimo.

 

Fonte: Mobileworld.it

Whatsapp ha silenziosamente aggiunto una nuova funzione nella versione Android dell’applicazione che da un lato rappresenta un beneficio e dall’altra solleva nuove polemiche.

Fino a poco fa, quando un utente Android riceveva un’immagine o un video da un amico e poi eliminava i file scaricati dalla cartella Galleria > Whatsapp, automaticamente non era più in grado di visualizzare i media all’interno da Whatsapp. Adesso invece, Whatsapp permette di scaricare nuovamente i contenuti eliminati.

Questo significa che Whatsapp continua a tenere una copia dei file sui propri server, anche dopo averli scaricati con successo.

La funzione era già parzialmente presente in precedenza ma con una differenza: i file multimediali inviati venivano conservati per un massimo di 30 giorni sul server nel caso in cui non risultasse possibile consegnarli.Una volta consegnati però, sarebbero stati eliminati immediatamente.

Adesso le cose sono cambiate. Il file continua a rimanere sul server nonostante la corretta consegna e non c’è più nemmeno il limite di 30 giorni.

Effettuando alcuni test infatti, i ragazzi di WABetaInfo hanno scoperto di riuscire a riscaricare immagini e video ricevute 2 mesi prima. Con alcuni tentativi, anche 3 mesi prima.

Sui file multimediali continua ad esserci una chiave di criptaggio end-to-end, quindi non c’è molto di cui preoccuparsi a livello di sicurezza, tuttavia la funzione desta alcuni dubbi e si pone in contrapposizione con quanto dichiarato nei termini del servizio (che probabilmente andranno ancora aggiornati). Tutto questo su iOS non accade per il momento.

 

Fonte: ispazio.net

WhatsApp per Android continua a memorizzare immagini e video nei server, anche dopo la cancellazione

La prima audizione del CEO di Facebook non ha riservato molte sorprese: i senatori sono apparsi scettici, ma anche incerti sulle decisioni da prendere.

Martedì il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ha partecipato a un’attesa audizione davanti alla Commissione per l’energia e il commercio del Senato degli Stati Uniti, cui era stato invitato nelle settimane scorse per rispondere direttamente sul caso Cambridge Analytica e, più in generale, sul modo in cui la sua azienda gestisce i dati di oltre due miliardi di persone nel mondo. L’audizione ha attirato l’attenzione di tutte le principali emittenti televisive statunitensi, che hanno seguito in diretta le oltre tre ore di confronto tra Zuckerberg e i senatori. Come anticipato da molti osservatori, il dibattito è stato tranquillo e a tratti noioso, con alcuni membri della Commissione che non hanno dimostrato – anche per motivi anagrafici – di avere le idee molto chiare su come funzionino i social network, le applicazioni e più in generale Internet.

Zuckerberg, 33 anni, era visibilmente teso ed emozionato all’inizio dell’audizione, la sua prima volta davanti al Congresso, ma nel corso della giornata ha preso maggiore confidenza e ha risposto senza particolari esitazioni alle domande dei senatori. Dopo avere letto una dichiarazione, già resa nota nei giorni precedenti, ha dovuto ammettere gli errori compiuti da Facebook negli anni passati e assumersene le responsabilità. A una domanda più specifica ha risposto con una frase probabilmente preparata nei giorni scorsi, e sulla quale è poi tornato più volte nel corso dell’audizione: “Penso che sia praticamente impossibile avviare un’azienda nella stanza del tuo dormitorio e poi portarla a crescere fino al punto in cui siamo ora senza commettere qualche errore”.

Il tema della privacy è stato centrale nel confronto con i senatori, che in più occasioni hanno ventilato la possibilità di produrre nuove leggi per tutelare meglio gli utenti di Facebook e di Internet in generale. Negli Stati Uniti le leggi sulla protezione dei dati personali sono poche e non molto articolate, soprattutto se confrontate con quelle prodotte in questi anni dall’Unione Europea. Ci sono di fatto meno tutele e solo ora, con la vicenda di Cambridge Analytica e le interferenze russe nelle elezioni, molti politici statunitensi sembrano realizzare che siano necessarie nuove regole.

Sul tema della privacy il senatore democratico dell’Illinois, Richard Durbin, ha provato a mettere in difficoltà Zuckerberg chiedendogli se volesse condividere pubblicamente il nome del suo albergo a Washington e delle persone con cui si era recentemente scambiato messaggi. Zuckerberg ha declinato dicendo: “No. Non penso che sceglierei di dare qui queste informazioni”. Durbin ha quindi ribattuto: “Penso che si stia parlando proprio di questo. Il suo diritto alla privacy. I limiti del suo diritto alla privacy. E quante di queste informazioni vengano diffuse in America nel nome del ‘mettere in comunicazione le persone nel mondo’”.

Zuckerberg ha risposto a molte domande su come Facebook amministra i dati degli utenti e ne garantisce la privacy, ma in molti casi il dibattito ha assunto termini più generali e ha messo in evidenza il rapporto complicato tra Washington, dove ci sono i legislatori, e la Silicon Valley, dove si fa innovazione a ritmi tali da lasciare quasi sempre la politica e le leggi indietro. La mancanza di norme specifiche è stata percepita tradizionalmente dai politici statunitensi come il modo migliore per favorire l’innovazione, rendendo più competitive le aziende tecnologiche, e sicuramente ha dato i suoi frutti. Cinque delle più grandi aziende al mondo sono nate nella Silicon Valley e producono miliardi di ricavi ogni anno, con un importante indotto non solo per la California. Alcune sono diventate così grandi da essere quasi un monopolio, come nel caso di Facebook e Google, e ora alla luce dei recenti casi in molti si chiedono se abbiano fallito nell’autoregolamentarsi e se sia giunto il momento di intervenire con leggi e regole più rigide.

Durante l’audizione diversi senatori hanno parlato di Facebook come di un’azienda diventata “troppo grande” o ancora come una società senza veri concorrenti, quindi simile a un monopolio. Zuckerberg ha risposto dicendo di essere interessato a un dibattito su nuove regole per il settore, ma ha comunque respinto l’idea che la sua società sia un monopolio. In un confronto con il senatore repubblicano del South Carolina, Lindesy Graham, è stato però molto elusivo su quali siano i diretti concorrenti di Facebook, preferendo non fare nomi, cosa che è sembrata confermare implicitamente il punto sulla natura monopolistica di Facebook portato avanti da Graham.

Zuckerberg, più giovane di qualsiasi suo interlocutore nella stanza, ha risposto a decine di domande per due ore consecutive prima di accettare la proposta di prendersi una breve pausa. “Penso potremmo andare avanti ancora un quarto d’ora, prima di fermarci” ha detto ai senatori, che con sorpresa hanno proseguito l’audizione. Davanti agli oltre 40 senatori della Commissione, Zuckerberg è apparso via via più sicuro di sé e anche pronto a fare qualche battuta. Il titolo in borsa di Facebook, sorvegliato dagli analisti per buona parte della giornata, ha guadagnato il 4,5 per cento, il miglior risultato degli ultimi due anni e che conferma la fiducia degli investitori nella linea seguita dal CEO della società.

Rispondendo a una domanda sui contenuti che vengono pubblicati su Facebook, e che per esempio hanno contribuito alla diffusione di notizie false o della propaganda russa a favore di Donald Trump, Zuckerberg ha per la prima volta ammesso chiaramente che: “Siamo responsabili per i contenuti, ma non ne produciamo”; per questo motivo non ritiene che Facebook possa essere considerato un editore. L’ammissione è importante perché per anni Zuckerberg ha sostenuto il ruolo “neutrale” della sua azienda, vista come un sistema per consentire alle persone di condividere le loro cose online, senza che Facebook ne avesse particolari responsabilità.

Salvo alcune eccezioni, le domande rivolte a Zuckerberg durante l’audizione sono state generiche e talvolta incomprensibili. Nonostante gli appunti preparati dai loro collaboratori, alcuni senatori – nati e cresciuti quando non c’erano i social media – hanno dimostrato di non avere le idee molto chiare sul funzionamento di Facebook o di Internet in generale. In diversi casi Zuckerberg ha dovuto chiedere ai suoi interlocutori se potessero chiarire meglio le loro domande. Molti giornalisti che hanno seguito l’audizione hanno avuto le stesse difficoltà di comprensione, commentando su Twitter di non avere capito le richieste del senatore di turno.

Non è ancora chiaro se nei prossimi mesi saranno prodotte nuove leggi per regolamentare i social network e mettere nuovi vincoli sulla privacy, eventualità su cui molti senatori sono apparsi restii. Le severe considerazioni su Facebook sono sembrate più che altro un avvertimento nei confronti di Zuckerberg e della sua azienda, per indurli a fare meglio e a rimediare velocemente agli errori compiuti. Lo stesso Zuckerberg ha ammesso che le recenti vicende “ci hanno danneggiati” e che farà il possibile per recuperare la fiducia degli utenti. Mercoledì Zuckerberg parteciperà a una seconda audizione, questa volta organizzata dalla Camera dei Rappresentanti, a partire dalle 14:15 di Washington, le 20:15 in Italia.

 

FONTE: IlPost.it

Bufera su Facebook, vediamo come se l’è cavata Zuckerberg al Congresso